STAMPA/Pescara – Cambiare per vincere

Redazione

CATANIA – Come di consueto proponiamo a tutti i lettori rossazzurri la rassegna stampa con le notizie più importanti presenti oggi nelle edicole nazionali e non. Gli articoli riportati sono stralci degli originali, non volti a sostituirsi a questi, pertanto invitiamo ad approfondire i contenuti presenti acquistando i giornali in rassegna.

Il Pescara a Catania È una sfida tra ultime (Il Centro)

Il Delfino a caccia del primo successo, torna Caprari in avanti

“Sfida tra disperate. L’ultima volta si sono incontrate in serie A. Il Catania si salvò senza problemi, il Pescara scese a picco in serie B. Al Massimino finì 1-0, era l’11 maggio 2013. Fu l’ultima partita nella massima serie dei biancazzurri. Il triste epilogo, poi l’anno scorso è capitato al Catania, che, come il Delfino, quest’ano vorrebbe tornare in A. Dopo cinque partite, sono tre i punti in classifica per le due squadre (ancora ferme al palo) e all’ultimo posto in classifica. Al Pescara serve la vittoria per non certificare la crisi e per salvaguardare la panchina dell’allenatore Marco Baroni, blindato in settimana dalla dirigenza biancazzurra […]Certo, ma quello di Catania è uno snodo fondamentale per i biancazzurri. Altri passi falsi non sono ammessi, calcolando che poi ci sarà da affrontare la sorprendente Virtus Entella e il Crotone. In Calabria, inoltre, mancheranno l’islanandese Birkir Bjarnason, il serbo Uros Cosic, il croto Dario Zuparic e il romeno Deian Boldor a causa degli impegni con le rispettive nazionali. Baroni, a Catania, cambierà di nuovo il Pescara. Fuori Zuparic, Grillo, Nielsen e Pasquato. Ci sarà il ritorno di Appelt in cabina di regia, dopo l’esclusione del brasiliano contro il Latina […]

Nel Pescara tripla novità (La Gazzetta dello Sport)

“Baroni cambia tre pedine rispetto alla gara interna contro il Latina. In difesa torna Cosic al posto di Zuparic, a centrocampo Appelt centrale e Guana mezzala destra, mentre in attacco turno di riposo per Pasquato con Caprari che riprende il posto sulla sinistra del tridente. Salamon fuori per problemi muscolari. Memushaj è recuperato, ma ha ancora bisogno di qualche settimana di lavoro

Per il Pescara a Catania previsti diversi cambiamenti (Abruzzo 24 Ore)

Vietato fallire in terra sicula

Altre due situazioni accomunano gli etnei ed il Pescara: si sfideranno due tra le difese più battute in queste prime giornate (ben 8 le reti subite da entrambe le squadre), e prima vittoria stagionale ancora da assaporare per entrambi i team. I rossazzurri non si sono calati ancora nella mentalità giusta della cadetteria, dopo esserci sprofondati l’anno scorso dalla serie A che li avevi visti ai nastri di partenza per diverse stagioni consecutive; inevitabile, quindi, che a fare le spese di questo inizio di stagione deludente sia stato l’allenatore: Massimo Pellegrino, infatti, ha passato il testimone della guida tecnica a Giuseppe Sannino dopo la sconfitta subita dagli etnei a Perugia nella terza giornata. Il cambio tecnico non sembra avere dato, però, ai siciliani la scossa giusta: il gioco continua a latitare, ed il potenziale tecnico degli etnei, tra le cui fila ci sono calciatori come Spolli, Calaiò (ex della gara insieme all’albanese Cani, ed al portiere Anania), e lo stesso Rosina di categoria certamente superiore. Gli uomini di Baroni, dal canto loro, non possono permettersi passi falsi, ed anche se sia il tecnico, che lo stesso presidente Sebastiani si mostrano fiduciosi per il futuro, “Siamo la squadra che ha tirato più in porta dopo il Perugia”, questo il messaggio che entrambi tengono a sottolineare spesso, la situazione desta abbastanza preoccupazione e malumore nella tifoseria. A Catania la resurrezione? Lo sapremo domenica sera.


Be the first to comment on "STAMPA/Pescara – Cambiare per vincere"

Leave a comment