ABETE – “Ridurre debito, puntare sui giovani”

Redazione
CATANIA – Così ha parlato quest’oggi il presidente della FIGC Giancarlo Abete:  ”Il calcio risente del momento complessivo del Paese – ha dichiarato il numero uno della Federcalcio  –, un momento difficile e sta vivendo l’amarezza di qualche abbandono significativo. C’è comunque la necessità da parte delle società di mantenere gli equilibri economici anche per il futuro. Bisogna riuscire a calibrare la competitività delle nostre squadre con la continuità della loro presenza. Bisogna lavorare sui giovani, sull’impegno per portare avanti una qualità dei campionati e una competitività internazionale all’altezza dell’Italia. Gli Europei – ha aggiunto Abete – sono stati per l’Italia un passaggio importante con una squadra competitiva e in grado di trasferire una dimensione positiva per il nostro calcio. In un quadro economico che sta cambiando abbiamo comunque una continuità di presenza imprenditoriale che è un fatto importante. Ma determinati deficit non sono proponibili all’infinito e soprattutto quelli della Serie A vanno assolutamente diminuiti. Il calcio – ha sottolineato Abete – dà ovviamente una capacità competitiva maggiore per chi ha più risorse, ma la sua bellezza è anche quella di valorizzare quelli che sono i progetti tecnici e spesso non c’è un rapporto diretto tra le cifre investite e i risultati. Lo ha testimoniato per esempio il piccolo Montpellier nel campionato francese dove ha avuto ragione dei ‘ricchi’ del Psg. Laddove emergessero, secondo le valutazioni della Procura federale, delle ipotesi di responsabilità diretta e queste fossero valutate dalla Procura federale, il loro iter sarebbe attivato prima dell’inizio del campionato e quindi, grossomodo, in questo mese di luglio. Questo determinerebbe una valutazione tempestiva degli organi di giustizia sportiva”.
(fonte dichiarazioni: figc.it)

Be the first to comment on "ABETE – “Ridurre debito, puntare sui giovani”"

Leave a comment