«La giudice del Tar dovrebbe astenersi dal giudizio», parla l’avvocato

A calcio rinviare il pallone a sé stessi è una scorrettezza. Per la giustizia sportiva no. È il caso della giudice Panzironi, che il 26 deciderà il futuro della B, dopo aver accolto il ricorso della Figc. Coincidenza che sostiene le ragioni di chi – come l’avvocato Rapisarda – ritiene opportuno si astenga dal giudizio, sulla base dell’articolo 51 e di una parentela che fa storcere il naso a tanti osservatori

di Giuseppe Rapisarda