Articolo del 20 ottobre 2014, A Cura di:

0 Commenti

Alter Ego: E’ sempre colpa di De Martis!

Delle tre polpette prese in casa dello Spezia non abbiamo nulla da commentare. Nemmeno ironicamente. La domanda è solo una: per colpa di chi? Ci sembra chiaro che la colpa sia di De Martis. Certo. É la regola. Storica. Ma c’e un’altra corrente di pensiero secondo la quale questa catastrofe sia tutta dovuta a..

Continua a Leggere

Nessuno tocchi Rosina!

Il rigore assegnato al primo minuto del secondo tempo, contro lo Spezia, avrebbe potuto dar un volto diverso alla partita ed all’atmosfera seguente la sfida del Picco. Dare però la responsabilità della ‘non rimonta’ a Rosina, che sbaglia il rigore, sarebbe adesso ingeneroso quanto deleterio per il futuro della squadra.

Continua a Leggere

Noi con la voce:”Concentrazione, impegno e tanta pazienza per uscire dal tunnel”

Marco Maugeri, questa settimana, ha risposto alle domande della nostra rubrica “Noi con la voce”. Pazienza e speranza sono i concetti chiave: consapevole del dramma e dei limiti degli etnei, ostinato a non illudersi, l’esemplare di tifoso rossazzurro ottimista sopravvive ancora. Un campionato lungo e imprevedibile come quello di Serie B concede il tempo di cancellare gli errori, e la possibilità di recuperare il terreno perso. Così i più coraggiosi sono decisi a non mollare- e non dovrebbe farlo nemmeno la società. Troppo presto per arrendersi. Sperando che non sia, però, troppo tardi per rimediare.

Continua a Leggere

, 20/10/14

0 Commenti

Stampa: “Sannino non mollare, attacca al muro chi se ne f..!”

Catania in crisi, la stampa locale non usa giri di parole: “Sannino non mollare. Perché i giocatori non recepiscono? A cosa pensano? Ci si sveglia in tempo per gli allenamenti! Gruppo diviso a metà. C’è chi se ne fotte, tanto ha l’amico procuratore. Sannino li attacchi al muro. Troppi giocatori non si sono adattati al clima della B. Le prossime due partite sono determinanti”.

Continua a Leggere

Piove piove, sul nostro Catania

Poche righe, dedicate agli innamorati del Catania. Quelli che restano, anche se ‘piove piove, sul nostro amor”.

Continua a Leggere

I nomi (degli indisponibili) non giustificano la classifica

Impossibile giustificare la classifica attuale dei rossazzurri. In un campionato mediocre come la serie B, i grandi nomi possono far la differenza, ma la loro assenza non può giustificare simili difetti. Lo dice il vertice della classifica, lo dice la storia dei confronti contro squadre di vertice. Non una questione puramente tecnica. Ecco che alcune parole pronunciate in passato da Sannino tornano attuali.

Continua a Leggere

Nona giornata.. e niente va bene!

E’ la nona giornata, e niente va bene. Dalla sconfitta contro lo Spezia, al Picco, vien fuori un quadro preoccupante. Almeno visto da fuori. Aspetti positivi? Intangibili, come l’atteggiamento più propositivo della squadra che tuttavia non porta nulla di buono in termini matematici: tutt’altro. Dopo gli incitamenti alla riscossa, la settimana si chiude in silenzio stampa.

Continua a Leggere

, 19/10/14

0 Commenti

Stampa: Catania, deriva verso l’inferno che mette “tristezza”

Il risultato della sfida contro lo Spezia è impietoso. Lo sono anche i commenti con cui la stampa descrive la debacle. Catania sempre più alla “deriva”. Scivolare verso “l’inferno” in un mare di “tristezza”. Tutte parole utilizzate sui quotidiani che restituiscono anche l’atmosfera del pubblico rossazzurro.

Continua a Leggere

Catellani uccide il Catania

Nonostante una formazione più offensiva del solito, adattata ai giocatori a disposizione e non viceversa, ed un atteggiamento sempre propositivo, il Catania cade a Spezia. Determinante la prestazione dell’ex, Catellani, perso in estate. La rete di Brezovec ed il rigore del’ex Catania decidono l’incontro. Rosina sbaglia un rigore in apertura di ripresa. Infruttuosi gli sforzi etnei di raddrizzare la gara. Gyomber espulso nel finale, ulteriore guaio.

Continua a Leggere

Pagelle, Spezia-Catania 3-0: E’ un tunnel senza fine

Le valutazioni attribuite ai protagonisti di Spezia-Catania. Centrocampo sguarnito, attacco ancora sterile. Rossazzurri in piena crisi d’identità e di risultati.

Continua a Leggere

Il Catania cade a(l) “Picco”

Ennesima sconfitta per il Catania, la quinta in nove giornate, la terza consecutiva. Ennesimo silenzio stampa. Evidenti i limiti di una squadra totalmente allo sbaraglio incapace di reagire ad ogni rete subita. Difesa disastrosa. Arbitraggio da rivedere. Si rivedono Frison e Jankovic. Rosina corre, Sannino si sbraccia. Il resto è poca roba. Decisivo un ex rossazzurro, giovane promessa scaricata qualche anno fa dai dirigenti etnei. Quel Catellani, autore di una prova maiuscola condita da una doppietta importante che ha chiuso la gara. Una coincidenza o un segno del destino?

Continua a Leggere

Powered by WordPress. Foto by Zimbio.

Grafica a cura di: Roberto Finocchiaro sulla base di: